Home Su Commenti Sommario Ricerca

europa.jpg (1480 byte)ITCG EUROPA  CASSINOAgrimensura

 
Taluve Area di scambio Agrimensura

 

Foto

Progetto Agrimensura

 

 

Generalità e cenni storici

Colui che esercita l’agrimensura è l’agrimensore, figura assai antica,nata con il sorgere della privata proprietà rustica che richiedeva la fissazione di confini precisi.

 

La scienza della misura dei campi è infatti nata con i primi insediamenti rurali nelle vallate dei grandi fiumi come, l’Eufrate, il Tigri, l’Indo, il Nilo. Le prime nozioni ingegneristiche  furono introdotte in Babilonia dai Sumeri prima del 2500 a.C.

 

La spiegazione del perché dello sviluppo dell’Agrimensura presso gli Egizi ci viene fornita da Erodoto, il quale racconta: “Molti egiziani ricevono un appezzamento di terra quadrangolare e ne pagano le imposte, ma poiché i flutti nel Nilo ogni anno asportano una parte del terreno corrodendo le rive e sconvolgendo i confini con le inondazioni, i campi devono essere continuamente ispezionati e misurati perché le tasse possano essere imposte equatamente.

 

Scopi dell’Agrimensura

L’Agrimensura integra oggi la topografia e si occupa degli strumenti e dei metodi di misura delle aree di proporzioni limitate. A questo scopo fondamentale  sono collegati altri problemi agrimensori minori come la divisione dei terreni in parti determinate, la riconfinazione, la rettificazione e lo spostamento di confini in seguito a frazionamenti catastali. Il tipo di superficie che viene preso in considerazione dall’agrimensore viene definito superficie agraria ed è la proiezione, su un piano orizzontale, della superficie reale del terreno:la sostituzione della superficie vera con quella agraria è giustificata dal fatto che quest’ultima non varia nel tempo in seguito all’azione di agenti naturali(erosioni, sismi, franamenti) e dell’uomo(sistemazioni agrarie), ma può mutare soltanto la sua area in seguito al cambiamento dei suoi confini.

 

 

 

 

Gli strumenti dell’agrimensura

L’agrimensore si vale di tutti quegli strumenti topografici che consentono la determinazione diretta e indiretta di distanze, il tracciamento di allineamenti la misura di angoli azimutali, il calcolo meccanico indiretto delle aree di appezzamenti sulle loro rappresentazioni grafiche. La misura diretta delle distanze si effettua con strumenti semplici che, in pratica, vengono sovrapposti alla linea da misurare tante volte quante sono necessarie per determinare la lunghezza: questi comunissimi attrezzi sono di diverso tipo(catena metrica, nastro metallico) ma tutti vengono identificati con il nome di longimetri.

Quando la distanza di due punti è rilevante è preferibile effettuare la misura indiretta stadimetrica o telemetria. In questo caso si usano strumenti che forniscono parametri per il calcolo della distanza(cannocchiali distanziometrici, tacheometri ecc.) o che non danno immediatamente la misura ( telemetri )

ma un rilevamento della stessa e poi una sua nuova determinazione.

 

 

Obiettivo:  è quello di evidenziare  la multifunzionalità del geometra e di mettere in evidenza come si adoperano i vari strumenti di topografia ( disciplina che spesso non si conosce) ; effettuare percorsi in spazi vicini e limitati descrivendoli graficamente e acquisendo così un primo concetto di riduzione in scala .

 

Accoglienza dei partecipanti

Questa parte da fare nel primo momento dell’accoglienza può essere realizzata nell’aula magna con una spiegazione delle attività che si andranno a svolgere e la consegna di due tipi di  schede per squadre di partecipanti , una contenente una planimetria del giardino botanico con indicazione dei punti di riferimento e l’altra contenente domande relative agli strumenti usati per il rilievo e alle specie vegetali dell’orto botanico .

 

L’esplorazione diretta dello spazio : visita del giardino botanico

La visita potrebbe essere articolata nel seguente modo :

-         Uso degli strumenti  topografici per squadre in postazioni di particolare interesse .

-         Descrizione delle specie vegetali presenti .

 

Spazi e tempi di realizzazione : le attività verranno condotte a scuola dopo aver visitato il giardino dell’ istituto con piante catalogate botanicamente.

L’idea è quella di creare percorsi molto semplici da far realizzare ai ragazzi nell’aula di disegno , in un ambiente chiuso e quindi con più punti di riferimento .

 

Tempi di attuazione : dalle ore 9.00 alle  ore 12.00 , ogni giovedì della settimana

Utenti : alunni scuole secondarie di primo grado

 

Inviare a infoassenze@itgeuropa.it un messaggio di posta elettronica contenente domande o commenti su questo sito Web.
Aggiornato il: 22 settembre 2007